Show simple item record

dc.contributor.authorStreifeneder T
dc.contributor.authorRicci F
dc.date.accessioned2019-04-29T09:58:27Z
dc.date.available2019-04-29T09:58:27Z
dc.date.issued2018
dc.identifier.urihttps://www.salto.bz/de/article/22052018/big-data-e-intelligenza-artificiale
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10863/9573
dc.description.abstractRipensare l’uso dei Big Data e il nostro approccio all’intelligenza artificiale, abbandonando qualsiasi atteggiamento fideistico per privilegiare un approccio critico e lo sviluppo di soluzioni tecnologiche più aderenti ai veri bisogni degli utenti. È la ricetta di Francesco Ricci, preside della Facoltà di Scienze e  tecnologie informatiche, e di Thomas Philipp Streifeneder, direttore dell’Istituto per lo sviluppo regionale dell’Eurac Research. Nella conversazione con Ricci e Streifeneder è emerso un chiaro suggerimento: dobbiamo imparare dagli scandali che, recentemente, hanno fatto tremare i colossi come Facebook, a comportarci in maniera più critica e consapevole. Ciò che ognuno di noi deve imparare è guardare alle nuove tecnologie non con sospetto, ma nella giusta prospettiva: come mezzi cioè che possono, se impiegati con consapevolezza, migliorare molti ambiti della nostra vita quotidiana, dal lavoro alla salute, dall’istruzione allo svago.en_US
dc.languageItalian
dc.language.isoiten_US
dc.relation
dc.rights
dc.titleBig Data e Intelligenza Artificialeen_US
dc.typeOtheren_US
dc.date.updated2019-04-29T09:45:13Z
dc.language.isiIT-IT
dc.description.fulltextnoneen_US


Files in this item

FilesSizeFormatView

There are no files associated with this item.

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record