Show simple item record

dc.contributor.authorDella Rocca M
dc.contributor.editor
dc.date.accessioned2018-05-29T07:56:12Z
dc.date.available2018-05-29T07:56:12Z
dc.date.issued2017
dc.identifier.urihttps://npcss.fisppa.unipd.it/?lang=en
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10863/5071
dc.description.abstractIn seguito a un’esperienza lavorativa nel Nord Italia presso un centro antiviolenza e una struttura protetta per donne che subiscono violenza domestica, ho intrapreso una ricerca di dottorato volta ad analizzare le pratiche di aiuto dirette alle donne migranti che si sono rivolte a questo servizio. Alla luce della specifica vulnerabilità delle donne migranti vittime di violenza (Ravi, Condon, Schröttle, 2011) e della comprensione delle possibili declinazioni della violenza strutturale a danno di esse nel contesto specifico oggetto di ricerca (Farmer, 2009), ho intrapreso un processo di decostruzione delle pratiche di advocacy attraverso un’analisi auto-etnografica della mia esperienza lavorativa che ha coinvolto attivamente le operatrici del centro stesso. Questo processo auto-etnografico mi ha permesso di comprendere la complessità delle dinamiche implicite ed esplicite incorporate nelle pratiche quotidiane del lavoro di advocacy. Allo stesso tempo, la scelta di una ricerca partecipativa che coinvolgesse le operatrici del centro, è nata allo scopo di creare un sapere comune e condiviso (Korbey, Greaves, Reid, 2010, p.21) traducibile in una trasformazione concreta delle pratiche di aiuto a favore delle donne migranti. Questo processo partecipativo mi ha portato, in qualità di ricercatrice, a confrontarmi con le difficoltà emerse dalla partecipazione attiva dei soggetti e da cui sono scaturite determinate scelte metodologiche ed etiche che hanno portato a modificare alcuni degli sviluppi della ricerca senza alterarne i presupposti e gli obiettivi. Allo stesso tempo il confronto partecipativo ha rappresentato l’opportunità di riflettere sulle implicazioni del mio coinvolgimento personale nel processo di ricerca e nella relazione con i soggetti coinvolti e sul multi-posizionamento dato dalla mia esperienza lavorativa, il mio attivismo femminista e antirazzista e l’attuale posizione di ricercatrice.en_US
dc.language.isoiten_US
dc.publisherUniversità degli Studi di Padovaen_US
dc.rights
dc.titleDal lavoro di advocacy alla ricerca etnografica. Posizionamento e coinvolgimento in una ricerca partecipativa presso un centro antiviolenzaen_US
dc.typeBook chapteren_US
dc.date.updated2018-05-15T13:05:25Z
dc.publication.title2nd National PhD Conference In Social Sciences - Book of Abstracts
dc.language.isiIT-IT
dc.description.fulltextopenen_US


Files in this item

Thumbnail

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record