Show simple item record

dc.contributor.authorFronza I
dc.contributor.authorGallo D
dc.date.accessioned2017-09-19T11:39:52Z
dc.date.available2017-09-19T11:39:52Z
dc.date.issued2016
dc.identifier.issn1720-898X
dc.identifier.urihttp://mondodigitale.aicanet.net/2016-3/DidamaticaSessioni/Didattica/paper_54.pdf
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10863/3010
dc.description.abstractIl Computational Thinking (CT) dovrebbe essere insegnato a tutti gli studenti, indipendentemente dal grado e dall’indirizzo di studi. E proprio perché le materie umanistico-letterarie sono spesso trascurate, questo articolo intende presentare un’attività che applica il CT in ambito linguistico e, nello specifico, nell’apprendimento della lingua tedesca come lingua 2; questa infatti si presta bene per la sua struttura grammaticale complessa e molto schematica. Il CT è utilizzato per far fronte a una delle maggiori difficoltà, stabilire il genere di sostantivi dei quali si ignora il significato, le cui regole sono talmente numerose e piene di eccezioni da non comparire nelle grammatiche. Tuttavia, alcune di queste, unite ad altre, quali la declinazione degli aggettivi e le preposizioni con i relativi casi, rendono possibile simulare un calcolatore: dalla raccolta dati alla scomposizione del problema, all’astrazione, alla creazione di algoritmi risolutivi. Questo non solo favorisce l’uso del sapere acquisito favorendo il ragionamento e accrescendo le proprie competenze linguistiche, ma diventa utile ai fini didattici e pedagogici; il CT diventa funzionale per l’apprendimento linguistico e viceversa. Una prima sperimentazione ha coinvolto 20 studenti, che sono riusciti ad accrescere la propria consapevolezza linguistica e competenza grammaticale riflettendo sulle strutture caratterizzanti della lingua stessa senza le modalità previste dal tradizionale apprendimento linguistico, bensì proprio grazie all’approccio computazionale. I risultati ottenuti consentono di formulare ipotesi per ulteriori sviluppi, come implementare le regole della costruzione del plurale o allargare il campo linguistico alla dimensione letteraria. en_US
dc.language.isoiten_US
dc.title“Der, die, o das?”: il Computational Thinking nella didattica del tedesco L2/L3en_US
dc.typeArticleen_US
dc.date.updated2016-12-16T07:48:11Z
dc.journal.titleMondo Digitale: rassegna critica del settore ICT
dc.description.fulltextnoneen_US


Files in this item

FilesSizeFormatView

There are no files associated with this item.

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record